HOW TO WEAR VINTAGE: WEAR HATS OR NOT?

Cappelli si cappelli no, questo è il problema. Al giorno d’oggi, soprattutto il Italia, i cappelli hanno più che altro una funzione pratica, indossiamo berretti di lana nella stagione fredda per ripararci, ma abbiamo perso il piacere di indossarli per puro vezzo.

Abbiamo tutte subito però il fascino delle  flappers,  con i loro cappellini a cloche, e avremmo tutte voluto essere  almeno per una notte invitate alle feste del Grande Gatsby, o avere il fascino di Angelina Jolie in Changeling.

Angelina Jolie in Changeling

cute cloche from Etsy

vintage cloche

Eppure fino agli anni 60 nessuna signora che si rispettasse sarebbe uscita senza il suo cappellino, spesso abbinato nel colore ai guanti e alla borsetta, con i capelli in piega perfetta che uscivano ai lati del viso in morbide onde.

Negli anni 60 con la rivoluzione del pret a porter, i capelli cotonati, le pettinature gonfie e le gonne corte, il cappellino venne ripudiato soprattutto dalle giovani, che incarnavano proprio nel suo uso tutto quello a cui si volevano ribellare con il nuovo look e con la nuova musica.
Ma le signore indossavano ancora il cappellino soprattutto il ‘tamburino’.
Negli anni 70 tornano i cappelli a tesa larga e prendono piede i turbanti, direttamente dagli anni 20, in mille fogge e colori, abbbinati alle tute super aderenti in viscosa, perfetti con le chiome riccissime e vaporose come si usava in quel periodo.

Il cappello è un accessorio che oltre a essere utile ci regala un look davvero particolare, ci regala personalità e basta scoprire quello più adatto alla forma del viso e alla pettinatura che abbiamo e il gioco è fatto.
Tra l’altro può essere molto utile nei temutissimi badhairday, se il vostro capello è ribelle e ingestibile ecco allora che un copricapo vi risolve subito il problema.

Se vi siete lasciate tentare dall’aquisto di questo accessorio ecco alcuni suggerimenti di brand che eccellono nella manifattura artigianale:

 DONIA ALLEGUE

http://www.doniaallegue.com/

SINE MODUS-MILANO

http://www.sinemodus.it/

SINE MODUS-MILANO

http://www.sinemodus.it/

ALTALEN

Ed ecco alcuni spunti dallo street style, sempre un ottima fonte di ispirazioni nel caso fossimo colte dal dubbio!

Et last but not least, eccomi con un paio dei miei cappellini retro style!

Share This:

How to wear vintage: Suede, ovvero la pelle scamosciata degli anni ’70 torna alla ribalta

Un nuovo capitolo su come vestire Vintage che prende spunto proprio dalle passerelle della SS 2015.

Suede. Ovvero la pelle scamosciata, che noi siamo abituate a vedere utilizzata in scarpe e borse. Negli anni ’70 erano però erano in gran voga giubbotti, trench, gonne, mini, e anche pantaloni e culottes in suede, sia nel classico color miele che in colori come rosso, verde viola e polvere and more.
Vediamo immagini di quegli anni con ragazze in boho style con magliette in macramè e mini in suede, strizzati trench e stivali su gambe nude, pantaloni di camoscio a zampa con camicie di chiffon senza reggiseno sotto, uno stile davvero libero e sensuale.

’70 SAINT LAURENT

SEVENTIES BOHO STYLE

ADORABLE SEVENTIES SUEDE SHORTS

VOGUE, 1970

VOGUE, 1970
NATALIE WOOD IN A SUEDE SKIRT

SULLE PASSERELLE L’ISPIRAZIONE VINTAGE DEGLI ANNI ’70

Sulle passerelle per questa SS 2015 abbiamo osservato un grande ritorno di questro trend, moltissimi brand hanno ripreso e reinterpretato il suede anni ’70 in chiave 2015, riportando un tocco del vestire vintage nel nuovo trend di stagione. Alberta ferretti, Saint laurent, Gucci Martin Margiela e molti altri ancora ci fanno sognare con le loro proposte in scamosciato

ALBERTA FERRETTI

CHLOE’

ALBERTA FERRETTI

GUCCI

Haider Ackermann Spring 2015

JASON WU

MAISON MARTIN MARGELA

THEORY

VESTIRE VINTAGE DALLE PASSERELLE ALLO STREETSTYLE

Vediamo come modelle e icone fashion come Olivia Palermo e Kate Moss reinterpretano questo trend rendendolo personale e molto glamour.

OLIVIA PALERMO

ALLISON WILLIAMS

KATE MOSS IN THE 1996

A SPASSO NEL WEB A CACCIA DI AFFARI VINTAGE

Come sempre spulciando nel web è possibile trovare capi Vintage e retro inspired che fanno al caso nostro, come sempre poca spesa massima resa!!

VINTAGE SUEDE JACKET IN PURPLE SU ETSY

VINTAGE SUEDE TROUSER ON ETSY

VINTAGE TRENCH IN SUEDE

VINTAGE SUEDE SKIRT ON ETSY

UNGARO, 1968

URBAN OUTFITTER

Share This:

HOW TO WEAR VINTAGE NEW TREND EDITION: BOHO MOOD

GUCCI

So che siete molto attente e quindi non sarà sfuggito al vostro occhio clinico il trend dell’estate che ha spopolato in passerella: il boho, cioè quel mood di ispirazione seventies, legato all’etno-Hippy, al bohemien, caratterizzato da lunghi abiti svolazzanti in seta o chiffon in fantasie floreali, uso dello scamosciato in giacche gonne, pantaloni e camice, tricot effetto copertina patcwork per gilet e maglie, frange come se non ci fosse un domani, sandali e stivali morbidi, camicioni e vistose cinture intrecciate sui fianchi.
Ci tengo a dire che non è la parte dello stile seventies che preferisco, ma comunque certo ne subisco il  fascino liberatorio.
Ma bando alle quisquilie, vediamo qualche esempio di quello che bolle in pentola in passerella, e poi vediamo come creare un look boho super trendy pizzicando pezzi qua e la nel vintage, in pieno stile How to Wear Vintage.
eng: I know that you already notice the new summer trend: boho, mood from the seventies inspiration, also colled hippy, etnochic,  bohemiancaraterized from long chiffon dresses, flower fabric patterns, fringe, tricot patchwork style, suede skirt, trousers and jacket and huge soft oversize bluse.
 Here some look coming out from the fashion show for this SS15.



JEREMY SCOTT
JEREMY SCOTT

GUCCI    
ALBERTA FERRETTI

ROCHAS

EMILIO PUCCI

BLUEMARINE

EMILIO PUCCI

ALBERTA FERRETTI

BLUEGIRL

BLUEGIRL

TWIN SET

 Tulle le foto da Google images, All the pictures from Google images.

 E adesso vediamo come possiamo anche noi senza spendere un capitale sentirci un pò figlie dei fiori. Il mio consiglio, come già sapete, è di non esagerare, non dobbiamo andare a Woodstock: un pezzo al massimo più un accessorio ben mixati con pezzi basici saranno sufficenti a rendere il vostro look speciale ma non da carnevale.
Tutti i capi sono da Etsy, da Ebay o da ecommerce vintage.

And now we see how we can wear this look with no huge money, just looking for the right pieces for our wardrobe in a vintage clothes. An advice: don’t put all toghether, we don’t have to go to Woodstock: jut one pieces and maybe an accessorie will be enough, mixed with a basic clothes.
All the pictures aro from Etsy, Ebay or  vintage ecommerce.

Per mio puro divertimento vi lascio qualche immagine dell’epoca per ispirazione

amanda lear

See you next
Paolasophia

Share This: