Fai schifo, mi hanno detto

Sono state due le occasioni in cui mi è stato detto ‘fai schifo’ in faccia da sconosciuti. Lo so, sembra assurdo ma è successo per ben due volte. E in entrambi i casi non lo meritavo.

La prima volta è successo circa 15 anni fa. All’epoca facevo la volontaria al canile di Genova, le mie condizioni di salute me lo consentivano ancora, era tardo  pomeriggio, estate, caldo, io ero sul marciapiede con il cane al guinzaglio che stavo portando fuori per fare due passi e i bisognini, e una macchina di ragazzi passa con i finestrini aperti e mi grida: Fai schifo!!!

Dopo qualche minuto di stupore, ho cercato di guardarmi dal di fuori: cane spelacchiato, io vestita con jeans male in arnese, canotta mezza sbiadita, fazzoletto in testa, braccia tatuate. In effetti non ero un bel vedere, magari proprio schifo no ma certo non una visione affascinante. Magari avran pensato che fossi una zingara, e non un’accaldata volontaria del canile.

La seconda volta è successa oggi e in qualche modo è sempre legata alle bestiole. Ero per strada che mi apprestavo a fare commissioni, una signora mi passa vicino  e dice, guardandomi torva e ad alta voce, ‘fai schifo’.. Fermi tutti, sono vestita decorosamente, ho anche i guanti e i tatuaggi non si vedono, cosa vuole sta qui adesso….poi ho capito! Indossavo una giacchetta di visone degli anni 60 vintage che tra l’altro ha visto sicuramente tempi  migliori.

La cosa è ridicola sotto diversi punti di vista: lei indossava un piumino, e le piume da dove le prendono, dal culo degli angeli secondo lei?

Se mi conoscesse saprebbe quanto ho a cuore le bestiole e le loro sofferenze, solo credo che usare cose ancora in buono stato delle nonne sia più etico che comprarne altre, l’animalismo va da sempre a braccetto con l’etica secondo me, e il riciclo ne è un pilastro. Ma questa è una lunga diatriba animalista e non è questa la sede per parlarne.

La morale della favola quale è? Che facciamo tutti un pò schifo, perchè ci assurgiamo il diritto di giudicare gli altri in modo arbitrario,giudichiamo colpevoli anche con molti ragionevoli dubbi, e in assenza di prove e avvocati difensori. Come se giudicare gli altri colpevoli di ogni nefandezze rendesse meno tremende le nostre. Mal comune mezzo gaudio si sa.

Share This:

Noble Health, bellezza e salute vanno di pari passo

Autunno tempo di detox

Era da molto tempo che volevo provare un nuovo prodotto detox, e sentivo la necessità di fare anche qualcosa per il tono della mia pelle, si sa gli anni passano e la paura che ti cada la faccia mi attanaglia!

Noble Health

Ho quindi approfittato per provare i prodotti della Noble Health , che mi ha inviato come promo la polvere Collagen appunto per il viso, il Get slim night and Day per mantenere la linea e il Prodetox per detossinare.

Sono andata un pò a fare le pulci sul sito per vedere i vari componenti:

Collagen: il collagene è marino, cioè quello ricavato dalla fauna ittica e non terrestre, che pare sia il migliore ma assolutamente non vegan.

Il collagene è una delle proteine più importanti nei vertebrati e rappresenta un terzo delle proteine totali del corpo umano, dove riveste un ruolo fondamentale nella struttura e nella funzionalità di organi e tessuti, quali pelle, cartilagine, tessuto muscolare.
Il collagene è una tra le proteine strutturali più importanti  del nostro corpo. In effetti il collagene non è solo utile per la nostra vecchia e stanca pelle, ma è un utilissimo alleato per le nostre scricchiolanti articolazioni, e per le nostre cartilagini.

Nello slim night and day le solite vitamine B6 e B12, Cromo, Caffè verde, estratto di arancio amaro, estratto di paprica, spirulina, zinco, luppolo,aloe e varie ed eventuali direi di origine vegetale. Sono tutti elementi che accelerano il metabolismo pigro, come al solito da soli non fanno miracoli ma sono in genere dei buon coadiuvanti della dieta.

Prodetox:c’e il solito tarassaco, foglie di ortica, orzo, calcio, vitamine C e D, anche qui elementi di origine vegetale, sono in gebere quei componenti diuretici e detossinanti che aiutano a eliminare scorie e quant’altro possiamo ingurgiatare quando facciamo aperitivi selvaggi.

Gli ingredienti sembrano di ottima qualità, non vedo l’ora di provarli!

NOBLE HEALTH: get slim night and day
NOBLE HEALT- Prodetox activ+
NOBLE HEALTH- Collagen

 

 

 

 

Share This:

shopping invernale: must have dell’inverno 2017

CAMBI DI STAGIONE

Come tutti gli anni l’inverno ci sorprende da un momento all’altro: ieri c’erano 25 gradi oggi ce ne sono 12….

L’unica cosa positiva è che all’improvviso abbiamo un’ottima scusa per fare shopping senza sensi di colpa! Già, il nostro cambi di stagione ci ha rivelato delle gravissime lacune nel nostro guardaroba invernale, ergo: non abbiamo niente da metterci!!!!

Must have autunno inverno 2017

Ma prima di sperperare in nostro denaro in acquisti compulsivi e spesso inutili, meglio stilare una lista di quello di cui non possiamo proprio fare a meno:

Primo fra tutti il capospalla: quest’anno più che mai largo al paltò o alla giacca lunga: meglio se nei colori polverosi come il grigio/azzurro o il rosa cipria. Se proprio non è la vostra, optate per il cammello o il grigio perla. Mi raccomando però, se decidete per l’acquisto del cappotto, che sia di lana e anche abbastanza pesante, non fatevi tentare dai soprabitini leggeri solo perchè magari hanno un prezzo conveniente. Un bel cappotto di lana vi terrà calde, eleganti e non passa mai di moda.

VALENTINO
PALTO’
KARL KAPP
SPRUNG
ACNE
ZARA

Un abito di lana deve assolutamente entrare nel vostro armadio: che sia un maglione a collo alto, da portare con calze coprenti e stivali, o un abito a tubo da portare con la cintura lungo al ginocchio. Potete andare sul classico nero da spezzare con accessori bordeaux, un trend tipico di questo inverno, o tentare un color ciclamino o un palerose, o andare sui toni del verde oliva o bosco.

MISSONI
LEMAIRE
JOSEPH
ALEXANDER MCQUEEN
MAISON MARGIELA

Un paio di stivali  over the knee. Meglio se scamosciati e morbidissimi. Li metterete con l’abito di cui sopra, ma anche con le gonne di lana, lunghe al ginocchio, o con la mini di ecopelle e le calze coprenti colorate.

TOPSHOP
ZARA

 

Vi serve assolutamente un capo in tweed di lana. Un paio di pantaloni vita alta linea molto eighties, o una gonna midi o pencil sotto il ginocchio, scegliete voi.

 

MAISON MARGIELA

.

 

ROCHAS
RAEY
NATASHA ZINKO
GUCCI

 

E naturalmete un maglione panna in lana grossa. Va bene a collo alto meglio se cropped, da abbinare a pantaloni e gonne a vita alta.

STELLA MC CARTNEY
LAMAIRE
THE ROW

Su su che aspettate, via a fare shopping!

 

 

Share This: