San Valentino: nasce nel sangue la festa più controversa di sempre

San Valentino la festa di ogni cretino che crede di essere amato e invece è stato fregato. Ricordo di aver sentito questa crudele filastrocca la prima volta  alle medie.

Ma si sa, tra tutte le feste San Valentino è la più discussa. Gli uomini brontolano perchè devono fare finta di essere romantici e di mostrare delle attenzioni (cosa che in gran parte gli riesce malissimo), le donne che si impettano perchè i loro galanti non si dimostrano mai all’altezza delle aspettative, per non parlare di noi poveri single, che già ci sentiamo soli tutto l’anno, figurati a San Valentino… Quando poi i San Valentino si accumulano anno dopo anno, sai che allegria.

Forse tutto nasce dalla triste, anzi drammatica origine del giorno di San Valentino. Il santo nasce a Terni nel 176 circa e diventa vescovo a soli 21 anni. Si trova a Roma sotto il regno di Aureliano, dove cerca di convertire al cattolicesimo un numero sempre crescente di pagani. Questo ovviamente lo mette in cattiva luce agli occhi del crudele Aureliano, che non vede l’ora di metterlo a morte:ne ha occasione quando il povero San Valentino convola a nozze miste  la cristiana Serapia e il legionario romano Sabino, che invece era pagano: la cerimonia avviene in fretta, perché la giovane era malata; e i due sposi muoiono, insieme, proprio mentre Valentino li benedice.

A quel punto Aureliano non trova di meglio che torturarlo e infine decapitarlo, proprio nella notte del 14 febbraio 273.

Quindi come vedete c’e ben poco da rallegrarsi in questa ricorrenza, non mi stupisce quindi che San Valentino abbia sempre una certa aura malinconica .

Share This:

2 thoughts on “San Valentino: nasce nel sangue la festa più controversa di sempre

Comments are closed.