moda mare 2018: l’angolo dello sconsiglio swimwear 2018 edition

Moda mare 2018

Ragazze, ragazze mie, proprio non ci siamo!!

Lo so, è arrivata l’estate e tutte pronte a sfoggiare i nostri nuovi costumi da bagno, a volte già acquistati in giugno, a volte strappati a prezzi ribassati nei saldi. tinta unita, due pezzi, interi, fantasia palme o gattini, nella moda mare 2018 ce n’è proprio per tutti i gusti.

Evviva evviva. NO. Fermo restando che poche di noi sfoggiano un fisico da Pamela Anderson ai tempi di Baywatch, e che a volte i nostri tentativi di dieta non hanno sortito i risultati sperati, nessuno ci vieta anche con le nostre rotondità di goderci il nostro ambito posto al sole. MA, attenzione, nel costume come per l’abito cerchiamo di essere realiste e non commettere errori irreparabili.

La scelta del costume adatto a noi

Come per tutte le scelte che riguardano l’abbigliamento, si deve partire prima di tutto da un esame della propria fisicità, e comprare in base a quello, non in base a entusiasmi momentanei: se per esempio avete due bronze della quinta di reggiseno naturali, anche se siete nel fiore degli anni, NO al costume a fascia o al triangolo: non ci state dentro neanche se vi votate a sant’Antonio! Quindi in occasione dei saldi investite qualcosa in un costume con pezzo di sopra rinforzato fatto per benino, che vi sostenga anche quando passeggiate sul bagnasciuga.

Se per contro siete delle tavole da windsurf, allora si al triangolino o alla fascia, inutile acquistare dei pezzi di sopra imbottiti che bagnati peseranno mille chili e se non state attente quando vi muovete rischiano di mostrare la ‘pochezza’ che li riempie! avete la fortuna di avere un seno che non si muove, approfittatene!

Se poi non avete un fondoschiena da sudamericana senza neanche l’ombra di un buchino di cellulite, lasciate stare la brasiliana…. meglio un bel pezzo di sotto che copra un pò  di più, vi abbronzate lo stesso e state meglio.

E poi un discorso spinoso….avere più di 55 anni? siete in forma? non lo siete? In ogni caso :costume intero. Niente bikini. Costume intero, la vostra pancia anche se è piatta non è comunque più da mostrare. E non sento né se né ma.

Più che la prova costume, la prova del costume

Insomma, quello che voglio dire è che nessuno è perfetto, e non siamo obbligate a essere tutte pronte alla prova costume, ma almeno la prova costume fatela nel camerino quando lo acquistate. E siate oneste con voi stesse.

Parah
Mara Hoffman
Solid Stripes
Mara Hoffman
Diane Von Furnstenberg

Share This:

Capispalla per uomo: tutte le tendenze per il 2018

capispalla Fay

Capispalla: i nuovi protagonisti della moda uomo

Ormai immancabili nel guardaroba maschile, i capispalla si confermano i veri protagonisti di un trend in costante ascesa, particolarmente apprezzati dal gentleman contemporaneo. È a lui che si rivolgono le collezioni dei principali Brand del fashion system, che propongono capispalla iconici come il giaccone da uomo, il parka, il bomber, le giacche casual, i trench e gli intramontabili impermeabili.

Capispalla: quali sono i trend?

Oltre al soprabito da uomo, perfetto per completare look più chic, i bomber in tessuti morbidi e leggeri e le Field Jacket, molto apprezzati sono due capi iconici resi celebri da divi hollywoodiani del calibro di Marlon Brando, Tom Cruise e Robert Redford. Non è un caso, dunque, se sulle passerelle di tutto il mondo vediamo sfilare capispalla di ispirazione vintage sapientemente reinterpretati in chiave contemporanea.

Capispalla: giacconi e giubbotti di marca per il 2018

Particolarità del giaccone da uomo, quest’anno, sono i tessuti morbidi con taglio dritto, oversize o leggermente accostato alla figura. È il caso di Ralph Lauren e dei suoi giubbotti casual in cotone o tessuti tecnici leggeri, perfetti in abbinamento a pantaloni chino, bermuda, polo e sneakers, ma anche a calzature più eleganti come i mocassini. Non mancano i bomber e le iconiche giacche sportive con applicazioni, in linea con il nuovo stile athleisure.

Profili puliti e attitudine contemporanea per i capispalla firmati  Giorgio Armani. Dal soprabito lungo in cachemire slim fit, all’iconico trench beige in tessuto impermeabile, dallo spolverino con zip in leggera microfibra al giaccone in puro cachemire, le nuance si fanno sobrie e sofisticate per rispondere alle esigenze di stile del business man contemporaneo.

Nella collezione uomo di  Fay , invece, i capispalla si tingono di beige, blu, grigio e verde, nuance intramontabili e sempre di tendenza. Oltre all’iconico impermeabile, la Field Jacket, il giaccone 4 ganci e il parka, lo storico brand Made in Italy rivisita il soprabito da uomo mantenendone inalterato il carattere urban chic e il taglio sartoriale.

Punta su bomber, giubbotti, soprabiti e impermeabili minimal chic anche <strong>Lacoste</strong> che predilige tessuti tecnici, taffetà, cotone, colori tenui e sobri seppure con qualche pennellata di colore. Il giaccone da uomo Givenchy  non tradisce la sua anima sofisticata così come i bomber, i parka, i cappotti e i giubbotti in pelle, nylon o gabardine di cotone. Stupiscono i dettagli come le applicazioni e le stampe dai colori vivaci, che non passano di certo inosservate.

Share This:

Come ci si sente a invecchiare? Stupiti

L’invecchiamento è, in generale, il processo naturale che conduce ad un aumento dell’entropia in un qualunque sistema fisico. Wikipedia

Stavo guardando una mia foto. Gli abiti sono i miei, la pettinatura anche …ma qualcosa nel viso. E’ il viso di un signora. Le rughe intorno agli occhi le guance che cominciano a rilassarsi, il contorno che non è più definito come qualche anno fa. Non è un problema, non sono spaventata dall’invecchiare, ma è come se l’immagine interiore che ho di me e quella che mi rimanda lo specchio non fossero uguali.

La mia migliore amica, mentre stavamo parlando di conoscenti comuni, mi ha chiesto: ma secondo te anche noi da fuori siamo così? Intendeva naturalmente dire così invecchiate. La domanda sembra stupida, certo che anche noi siamo invecchiate. Ma  non te ne accorgi. succede e basta. e ti svegli una mattina ti guardi allo specchio e quella non sei tu, è una versione di te che non riconosci. Perchè dentro il tempo non è passato. Questo è il motivo per cui  a volte si rischia di diventare grotteschi o ridicoli. non  perchè si vuol fare i giovani a tutti i costi. ma perchè dentro ci si sente ancora giovani, e non ci si riesce a relazionare con un corpo che, in disubbedendo al volere della testa. fa il suo naturale e giusto decorso.

Share This: