gli uomini d’oggi e l’eccessiva espozione a dosi massicce di topa

Si può dire topa in diretta?

L’argomento di oggi è uno di quelli che occupano sovente le serate di amiche e conoscenti, cuori infranti e fidanzate d’annata, magari davanti a un caffè o a un buon bicchiere di vino.

E’ statisticamente provato che per ogni uomo ci siano circa 7 donne disponibili. Già partiamo molto male. Se a questo si aggiunge il fatto che un uomo sessualmente attivo tra i 25 e i 30 anni possa ‘pascolare’ in un range di donne che va dai 20 ai 45 anni, ecco a voi che gli ometti hanno a disposizione un parterre piuttosto guarnito.

Da tenere anche in considerazione che gli uomini seri che amano essere in coppia in genere sono occupati no stop, quelli che rimangono a disposizione hanno una vastità di scelta quasi illimitata. E non deve essere un figo pazzesco, anche se è un mezzo cassonetto, magari un pò spigliato, nella moria di materiale maschile sicuramente troverà più di una che se lo fila.

Pochi uomini troppe donne. E troppe donne a cui nessuno ha insegnato il rispetto di se stesse.

Ci gettiamo sulla preda come iene su una carogna, se abbiamo un carattere combattivo, o guaiamo come cani sotto un tavolo accontentandoci di un boccone ogni tanto se siamo remissive.

Esagero? Può darsi, ma ditemi che non avete assistito, o siete state protagoniste almeno una volta, di una situazione in cui una donna nè stupida, nè brutta o antipatica, corre dietro a un imbecille qualunque, neanche degno di allacciarle le scarpe; e lui, non solo la tratta con sufficienza e diniego, ma pure, mentre ogni tanto si degna di vederla, se ne trastulla altre  dieci.

Credo che sia una situazione irreversibile, l’unica cosa che possiamo fare è imparare a volerci più bene, e a rispettarci di più. Per loro sarà anche il paese dai balocchi, per noi diventa la favola di Barbablù.

 

Share This: