Canapa: anche per un design eco-sostenibile

La canapa come prodotto multifunzionale e a basso impatto ambientale

La canapa è da sempre al centro di diverse polemiche. Per via del suo utilizzo come sostanza psicotropa, molto spesso ci dimentichiamo che questa pianta è un validissimo eco-alleato in diversi settori,  dalla produzione alimentare (semi, olio, farina), bio-carburante, carta, tessuti, cordame, prodotti cosmetici e materiali (spesso innovativi e molto efficienti) e per la bio-edilizia.

La canapa che si usa per queste produzioni è priva di Thc ed è solitamente la pianta di sesso maschile, mentre la così detta mariuana,  quella con effetti psicoattivi, è la femmina. Maggiori informazioni le potete trovare qui.

Il nome scientifico è lo stesso, appunto per il fatto che si tratta della medesima pianta. La distinzione del nome marijuana da quello di canapa avvenne negli anni ’30, ne momento in cui ne fu vietato l’uso come sostanza psicotropa, prima negli Usa e poi in tutto il mondo.

L’Italia torna in pista dopo anni nella coltivazione

La coltivazione dell canapa di sesso maschile era molto diffusa in Italia, soprattutto in Piemonte ed Emilia Romagna. A cavallo tra gli anni Quaranta e Cinquanta, il Belpaese con i suoi 100mila ettari di coltivazioni era il secondo produttore al mondo di canapa industriale, dietro solo all’Unione sovietica. Vantaggio perso negli anni, per via della concorrenza delle fibre sintetiche e delle campagne che hanno associato la canapa agli stupefacenti. (fonte wired)

Nel 2016 il parlamento italiano ha dato di nuovo il via libera alla coltivazione di questa pianta dalle mille risorse,  solo al tipo maschile, of course, e piano pian la produzione sta ricominciando.

Dalla design week alle nostre case

Nel design, come testimonia anche la presenza alla Design week 2017, l’utilizzo della canapa comincia a diffondersi . I vantaggi sono moltepici: zero impatto sull’ambiente, proprietà antibatteriche, versatilità di utilizzo, fonoassorbenza.

POLTRONE IMPILABILI WERNER AISSLINGER
ACCESSORI PER L’UFFICIO ECOEPOQUE_OFFICE-A-ROUND
OCCHIALI DA SOLE HEMP
MOBILI DA BAMBINO COCO DESIGN
CAVALLO A DONDOLO
Pannelli fonoassorbenti in canapa SSSHH di Alberto Ghirardello

 

This blog post is a part of Design Blogger Competition organized by CGTrader

 

 

 

Share This:

Floral dress, questa sarà un’estate in fiore

TREND FLOREALE

Floral dress, flower power, fiori e garden mania dappertutto. Non c’e una vetrina che non abbia questo tema, la stampa a fiori.

Parliamo di grandi fiori e lussurreggianti foglie jungle fever, o piccoli fiori stile Liberty London, ma il floral dress non può mancare nel nostro guardaroba quest’anno.

L’UTILITA’ DI UN ABITO A FIORI

Il floral dress, nella sua semplicità, per l’estate è utile come un tubino nero in inverno. Lo possiamo portare di giorno con un paio di sandali bassi e una shopper per andare al lavoro, la sera per un aperitivo con un paio di scarpe alte e una pochette, perfetto per un matrimonio o una cerimonia, quindi sicuramente un pezzo versatile e facile da indossare.

COME SCEGLIERE QUELLO GIUSTO PER VOI

le solite raccomandazioni, se siete magrette ok anche fantasie a fiori grandi, se avete delle forme generose non dovete privarvene affatto, ma prediligete fantasie a fiori piccoli.

Colori pastello perfetti per le cerimonie, colori forti e decisi quasi in stile kimono giapponese per le vostre serate estive, ce n’è proprio per tutti i gusti.

NON SOLO ABITI

Ma perchè limitarsi all’abito? fantastiche le fresche camiciole che fanno tanto life in the farm, o i pantaloni stile pigiama, o palazzo pants che fanno tanto nippon style. Per abbinarli basta anche una maglietta bianca,  e sarete così fashion che non vi riconoscerete allo specchio.

VINTAGE SEMPRE ATTUALE

Il floral dress non è certo un’invenzione dei nostri giorni, e si possono trovare attualissimi abitini vintage da sfoggiare liberamente, con tessuti freschi e di qualità e forme la cui modernità potrebbe stupirvi.

BALENCIAGA
DELPOZO
CHLOE’
LUISA BECCARIA
ALICE&OLIVIA
ERDEM
SALVATORE FERRAGAMO
GIAMBATTISTA VALLI
GUCCI
MARQUES ALMEIDA
MARNI
MICHAEL KORS
MIU MIU
PORTS
TOPSHOP
TOPSHOP
AND OTHER STORIES
NORDSTROM
JCREW
MANGO
ANTHROPOLOGIE
ANTHROPOLOGIE

 

ZARA
ZARA
ZARA

Share This:

DELPOZO READY TO WEAR FW 16

_LUC0014 _LUC0023 _LUC0035 _LUC0047 _LUC0053 _LUC0064 _LUC0073 _LUC0085 _LUC0094 _LUC0104 _LUC0115 _LUC0126 _LUC0133 _LUC0144 _LUC0156

_LUC0171 _LUC0182 _LUC0218 _LUC0229 _LUC0238 _LUC0252 _LUC0264 _LUC0276 _LUC0289 _LUC0300 _LUC0311 _LUC0323 _LUC0336 _LUC0347 _LUC0356 _LUC0368 _LUC0380 _LUC0393 _LUC0407 _LUC0419 _LUC0427 _LUC0440

Share This: