Oscar 2016:tutti i vincitori

Finalmente la notte degli Oscar. Finalmente Di Caprio ha vinto l’Oscar. Amen. Ma di questo si è già scritto un fiume di parole, e non vogliamo far passare in secondo piano altri Oscar molto importanti, come quello al nostro beneamato Ennio Morricone per la colonna sonora di Hatefull Eight, o quello di Brie Larson per Room che soffia la statuella sotto il naso della Blanchett, o del Figlio di Saul come miglir film straniero. Ma ecco che vediamo i film in gara e in grassetti i vincitori per ogni categoria:

Migliore sceneggiatura originale

  • Matt Charman, Ethan Coen e Joel Coen – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
  • Alex Garland – Ex Machina
  • Josh Cooley, Ronnie del Carmen, Pete Docter e Meg LeFauve – Inside Out
  • Tom McCarthy e Josh Singer – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • Andrea Berloff, Jonathan Herman, S. Leight Savidge e Alan Wenkus – Straight Outta Compton

Migliore sceneggiatura non originale

  • Charles Randolph e Adam McKay – La grande scommessa (The Big Short)
  • Nick Hornby  Brooklyn’
  • Phyllis Nagy – Carol
  • Drew Goddard – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Emma Donoghue – Room

Miglior attrice non protagonista

  • Jennifer Jason Leigh – The Hateful Eight
  • Rooney Mara – Carol
  • Rachel McAdams – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • Alicia Vikander – The Danish Girl
  • Kate Winslet – Steve Jobs

Migliori costumi

  • Sandy Powell – Carol
  • Sandy Powell – Cenerentola (Cinderella)
  • Paco Delgado – The Danish Girl
  • Jenny Beavan – Mad Max: Fury Road
  • Jacqueline West – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior scenografia

  • Rena DeAngelo, Bernhard Henrich e Adam Stockhausen – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
  • Michael Standish e Eve Stewart – The Danish Girl
  • Colin Gibson e Lisa Thompson – Mad Max: Fury Road
  • Celia Bobak e Arthur Max – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Jack Fisk e Hamish Purdy – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior trucco e acconciatura

  • Lesley Vanderwalt, Elka Wardega e Damian Martin – Mad Max: Fury Road
  • Love Larson e Eva Von Bahr – Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve (Hundraåringen som klev ut genom fönstret och försvann)
  • Sian Grigg, Duncan Jarman e Robert A. Pandini – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior fotografia

  • Ed Lachman – Carol
  • Robert Richardson – The Hateful Eight
  • John Seale – Mad Max: Fury Road
  • Emmanuel Lubezki – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Roger Deakins – Sicario

Miglior montaggio

  • Hank Corwin – La grande scommessa (The Big Short)
  • Margaret Sixel – Mad Max: Fury Road
  • Stephen Mirrione – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Tom McArdle – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • Maryann Brandon e Mary Jo Markey – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)

Miglior montaggio sonoro

  • Mark Mangini e David White – Mad Max: Fury Road
  • Alan Robert Murray – Sicario
  • Matthew Wood e David Acord – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)
  • Oliver Tarney – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Martin Hernandez e Lon Bender – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior sonoro

  • Andy Nelson, Gary Rydstrom e Drew Kunin – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
  • Chris Jenkins, Gregg Rudloff e Ben Osmo – Mad Max: Fury Road
  • Andy Nelson, Christopher Scarabosio e Stuart Wilson – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)
  • Paul Massey, Mark Taylor e Mac Ruth – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Jon Taylor, Frank A. Montaño, Randy Thom e Chris Duesterdiek – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Migliori effetti speciali

  • Mark Williams Ardington, Sara Bennett, Paul Norris e Andrew Whitehurst – Ex Machina
  • Andrew Jackson, Dan Oliver, Andy Williams e Tom Wood – Mad Max: Fury Road
  • Anders Langlands, Chris Lawrence, Richard Stammers e Steven Warner – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Richard McBride, Matt Shumway, Jason Smith e Cameron Waldbauer – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Chris Corbould, Roger Guyett, Paul Kavanagh e Neal Scanlan – Star Wars: Il risveglio della Forza(Star Wars: The Force Awakens)

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Bear Story, regia di Gabriel Osorio Vargas
  • Prologue, regia di Richard Williams
  • Sanjay’s super team, regia di Sanjay Patel
  • We can’t live without cosmos, regia di Konstantin Bronzit
  • World of tomorrow, regia di Don Hertzfeldt

Miglior film d’animazione

  • Anomalisa, regia di Charlie Kaufman e Duke Johnson
  • Il bambino che scoprì il mondo (Boy & The World), regia di Alê Abreu
  • Inside Out, regia di Pete Docter e Ronnie del Carmen
  • Shaun, vita da pecora – Il film (Shaun the Sheep Movie), regia di Mark Burton e Richard Starzak
  • Quando c’era Marnie (思い出のマーニー Omoide no Mānī?), regia di Hiromasa Yonebayashi

Miglior attore non protagonista

  • Christian Bale – La grande scommessa (The Big Short)
  • Tom Hardy – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Mark Ruffalo – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • Mark Rylance – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
  • Sylvester Stallone – Creed – Nato per combattere (Creed)

Miglior cortometraggio documentario

  • Body Team 12 – regia di David Darg e Bryn Mooser
  • Chau, Beyond The Lines – regia di Courtney Marsh e Jerry France
  • Claude Lenzmann: Spectres Of The Shoah – regia di Adam Benzine
  • A Girl In The River: The Price Of Foregiveness – regia di Sharmeen Obaid-Chinoy
  • Last Dat Of Freedom – regia di Dee Hibert e Jones Nomi Talisman

Miglior documentario

  • Amy, regia di Asif Kapadia
  • Cartel land, regia di Matthew Heineman
  • The Look of Silence, regia di Joshua Oppenheimer
  • What happened, miss Simone?, regia di Liz Garbus
  • Winter on Fire: Ukraine’s Fight for Freedom, regia di Evgeny Afineevsky

Miglior cortometraggio

  • Ave Maria, regia di Basil Khalil
  • Day one, regia di Henry Huges
  • Everything will be ok, regia di Patrick Vollrath
  • Shock, regia di Jamie Donoughue
  • Stutterer, regia di Benjamin Cleary e Serena Armitage

Miglior film straniero

  • El abrazo de la serpiente, regia di Ciro Guerra (Colombia)
  • Mustang, regia di Deniz Gamze Ergüven (Francia)
  • Il figlio di Saul (Saul fia), regia di László Nemes (Ungheria)
  • Theeb, regia di Naji Abu Nowar (Giordania)
  • A War, regia di Tobias Lindholm (Danimarca)

Miglior colonna sonora

  • Thomas Newman – Il ponte delle spie (Bridge Of Spies)
  • Carter Burwell – Carol
  • Ennio Morricone – The Hateful Eight
  • Jóhann Jóhannsson – Sicario
  • John Williams – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)

Miglior canzone

  • Earned It (Abel Tesfaye, Ahmad Balshe, Jason Daheala Quenneville e Stephan Moccio) –Cinquanta sfumature di grigio (Fifty Shades of Grey)
  • Manta Ray (J. Ralph e Antony Hegarty) – Racing Extinction
  • Simple Song #3 (David Lang) – Youth – La giovinezza (Youth)
  • Til It Happens to You (Diane Warren e Lady Gaga) – The Hunting Ground
  • Writing’s on the Wall (Jimmy Napes e Sam Smith) – Spectre

Miglior regia

  • Lenny Abrahamson – Room
  • Alejandro González Iñárritu – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Tom McCarthy – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • Adam McKay – La grande scommessa (The Big Short)
  • George Miller – Mad Max: Fury Road

Miglior attrice protagonista

  • Cate Blanchett – Carol
  • Brie Larson  Room
  • Jennifer Lawrence – Joy
  • Charlotte Rampling – 45 anni (45 Years)
  • Saoirse Ronan – Brooklyn

Miglior attore protagonista

  • Bryan Cranston – L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo (Trumbo)
  • Matt Damon – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Leonardo DiCaprio – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Michael Fassbender – Steve Jobs
  • Eddie Redmayne – The Danish Girl

Miglior film

  • La grande scommessa (The Big Short), regia di Adam McKay
  • Il ponte delle spie (Bridge of Spies), regia di Steven Spielberg
  • Brooklyn, regia di John Crowley
  • Mad Max: Fury Road, regia di George Miller
  • Sopravvissuto – The Martian (The Martian), regia di Ridley Scott
  • Revenant – Redivivo (The Revenant), regia di Alejandro González Iñárritu
  • Room, regia di Lenny Abrahamson
  • Il caso Spotlight (Spotlight), regia di Tom McCarthy

Share This:

La mia dieta segreta, così ho perso una taglia

Si sa noi donne siamo sempre in lotta con le nostre misure, soprattutto passati i trenta; triste ma vero, tenere il peso risulta sempre più difficile.
Io non ho mai avuto da ragazzina problemi di peso, ma con il passare degli anni ho messo su quei 5 o 6 chili che non ne volevano proprio sapere di abbandonarmi, malgrado facessi palestra cardio e pilates, cyclette, pump, e varie discipline più o meno auspicabili.
Per lunghi periodi ignoravo il mio fagottino, in inverno alla fine mica si nota, e in estate mah…io alla fine mica ci vado tanto in piscina…insomma oscillavo tra momenti in cui dicevo’dai basta ora mangio meno’, a periodi in cui fagocitavo più o meno qualsiasi cosa mi si palesasse davanti.
Per poi dire’ma non capisco non mangio mica così tanto’!!
Ma poi alla fine l’illuminazione: dopo la dieta Dukan, la dieta a zone, la dieta del gruppo sanguigno, la dieta del segno zodiacale, la dieta dell’animale domestico, ho trovato finalmente il modo di perdere peso!

E volete scoprire il mio segreto?

HO MANGIATO POCHISSIMO!Eeee lo so, sembra incredibile vero?Il segreto per  dimagrire è mangiare poco.
Ho mangiato per tre mesi tra le 1200 e le 1500 calorie, che credetemi non è molta roba, e non è che sono diventata scheletrica, ho perso circa un chilo e mezzo due al mese. Dopo tre mesi sono salita a 1500 1800 calorie, e cosi sto continuando a fare. Ovviamente essendo io vegetariana ho mangiato molte verdure, bulgur, quinoa, per sostituire i carboidrati, che ho mangiato ma in poche quantità, ho mangiato un pò di tutto, ma poco. Pochi zuccheri complessi,niente alchool, ma una volta alla settimana la pizza con le amiche non me la sono mai levata.

Per il conto delle calorie esistono on line dei siti che ti danno le calorie esatte di ogni cibo, dall’uovo sodo alle melanzane alla parmigiana!
Sono passata da 59 kg  a 54, ora dopo natale sono 55 kg, sono scesa di una taglia e di 4 cm giro vita e giro fianchi.
Nel frattempo come attività fisica mi sono limitata a andare 2 volte alla settimana a nuotare.
E’ stata un pò dura, ma adesso mi sento meglio, mi sento più io.
E vi confesso che essendo obbligata a pesare tutto, a cucinarmi tutto fresco, alla fine anche la mia salute e il mio stomaco mi hanno ringraziata.
Fatemi sapere quale dieta ha funzionato (o non ha funzionato) con voi!

Share This:

Quando è importante mettere al sicuro ciò che ci è più caro

Una
lezione che fin troppo spesso fatichiamo a imparare è la necessità
di difendersi. Difendere la propria privacy, i propri sentimenti, le
proprie fragilità.
Perchè
insieme a tutto quello che ci fa sorridere, alla nostra famiglia agli
affetti più cari, c’è anche un mondo brutto pronto a approfittare
di un piccolo passo falso, di uno spiraglio nella nostra corazza per
colpirci e farci cadere.
Anche
i social network, che tanto ci sono utili nel nostro lavoro e nei
nostri rapporti personali , sono spesso colmi trappole dalle quali
dobbiamo guardarci. Va benissimo quindi pubblicare foto dei nostri
momenti importanti, delle cene in famiglia o nei locali con le
amiche, ma controllate sempre le immagini che postate e ancora di più
i tag che vengono da friends e conoscenti. Facebook dispone infatti
di alcuni strumenti di controllo della privacy che eviteranno
imbarazzi e dissapori, con i quali potrete controllare il tag e
decidere se accettarlo o meno.
E
anche se non fareste che postare foto dei vostri figli, che sono la
luce dei vostri occhi, muovetevi con cautela. Perchè ricordate che
una volta che una immagine è in rete, per quanti filtri di privacy
cercherete di utilizzare, questa sarà fuori dal vostro controllo,
verrà risucchiata nel web e portata ovunque da chiunque. Non
dimenticatelo.
Molto
più prosaicamente è ancor importante difendere i propri oggetti
preziosi, e ora possiamo farlo con gusto e stile in cassaforti che
sono anche oggetti di puro design.
L’utilizzo
di casseforti in cui riporre degli oggetti di valore, documenti
importanti o qualunque cosa che per noi abbia un significato
affettivo è ormai ampiamente diffuso. Quando si parla di sicurezza è
fondamentale non lasciare nulla al caso e scegliere casseforti che
adempiano al compito per cui sono state scelte: proteggere
tutto ciò che viene riposto al loro interno.
Accanto
a questo proposito, però, non bisogna dimenticare che una cassaforte
deve essere inserita in un ambiente che presenta un determinato
design e non deve in alcun modo rompere quell’equilibrio
fatto di forme, colori e materiali
. Per
questo ne esistono alcune che sono dei veri e propri oggetti
d’arredamento, dal design e dalle caratteristiche unici e, va da
sé, il binomio cassaforte
prezzi
sarà unico tanto quanto
questi prodotti. Quali sono i produttori che hanno fatto della
sicurezza un terreno in cui inserire lusso, opulenza, esclusività?
1-
The Luxury Range di Burton Safes
Massima
sicurezza con attenzione verso ogni minimo dettaglio, la linea Luxury
di Burton Safes è unica al mondo. Le casseforti sono realizzate
nello Yorkshire, Regno Unito, e senza dubbio la più costosa è
Narcissus, disegnata da Karl Lagerfeld.
Altissimo livello di artigianalità e assoluta perfezione tecnica,
questa cassaforte ha un design classico, due armadietti interni e si
attiva solo nel momento in cui riconosce la mano del proprietario.
Sarà forse quest’ultimo aspetto a giustificarne il prezzo di
250.000 euro?
2-
Galaxy di Buben & Zorweg
L’ultima
collezione di casseforti dell’azienda Buben & Zorweg, che
propone prodotti di lusso dal 1995, è ispirata all’Art Decò,
presenta dettagli verniciati ad effetto madreperlato e finiture di
lusso. Un unico oggetto di design che si va ad aggiungere agli altri
prodotti del brand anch’essi caratterizzati da opulenza,
particolarità ed esclusività.
3-
Conforti Exclusives Sales
Un’azienda
italiana con 100 anni di storia ed esperienza alle spalle. Le
casseforti sartoriali Made in Italy
di Conforti sono realizzate con materiali di pregio ed è sempre il
cliente a personalizzare il suo prodotto. Pelle
intrecciata
, malachite, marmo e madreperla
sono solo alcuni dei materiali scelti da chi si è affidato a
Conforti, il cui obiettivo, da sempre, è solo uno: proteggere le
cose più preziose del mondo.
Articolo
scritto in collaborazione con
Blindoblindati

Share This: