Realash:la nostra recensione

Realash è il siero per rinfoltire le ciglia di cui tutti parlano, e si sentono pareri discordanti che squillano a destra e a manca. Potevamo esimerci dal provare anche noi questo portento della cosmesi? Ma no naturalmente! Essendo io già munita di ciglia consistenti ho chiesto supporto a una mia fida collaboratrice, che reduce da mesi di ciglia finte era sicuramente un test più affidabile.

L’applicazione è risultata lievemente fastidiosa per la prima settimana, con un leggero pizzicore sulla palpebra, ma il fenomeno è passato dopo pochi giorni. Già dopo un paio di settimane ha visto spuntare le nuove ciglia, più scure e più forti delle sue. Dopo un mese già i risultati cominciavano a essere evidenti, e dopo 2 mesi si è ritrovata con delle ciglia di tutto rispetto! Io stessa quando l’ho rivista, sono rimasta colpita dalla differenza.

Vi mostro le foto prima e dopo, dove potrete notare tenedo come riferimento la linea del naso la lunghezza differente delle ciglia.

Quindi consigliato? Si decisamente consigliatissimo!

prima
dopo

 

dopo

Ho provato anche il loro contorno occhi,Pure, che si presenta molto fluido e in una confezione con il contagocce che mi è garbata parecchio, ma ad essere sincera lo trovo più adatto a una pelle giovane,  io ormai che sono una carampana necessito di un contorno occhi più nutriente.

 

Share This:

Capelli:l’angolo dello sconsiglio haircut edition

 

 

Sui social e sui giornali di settore ogni piè sospinto un articolo che sbandiera i tagli e i colori del momento che vi renderanno irresistibili, corredati di nomi altisonanti come color bronde, flat wave, shag e long bob. Ma com’ e che poi alla fine uscimo dal parrucchiere sembriamo sempre Joan Collins in Dinasty? La risposta non è cosi scontata come sembra. Certo la prma considerazione è che forse dovremmo cambiare parrucchiere, ma il problema può essere anche a monte di questo.

 

E’ una questione di aspettative. Io per esempio vedo questo taglio pazzesco su questa modella fica stratosferica, e il mio cervello per una stupida reazione mi convince che se mi faccio quel taglio avrò compresa nel prezzo anche la faccia della modella. Vi svelo un segreto: non è così. La mia faccia resta sempre quella.

Allora dobbiamo accontentarci di tagli smorti e insignificanti? Niente affatto! Sono i criteri di scelta che devono essere modificati.

Come per quel che concerne la scelta degli abiti, occorre un’analisi spietata del nostro viso. Quali sono i nostri pregi e i nostri difetti? quale è la forma, ovale tonda o allungata, l’incarnato, le nostre orecchie(si anche quelle!).

Ma non basta ancora. Un’altro fattore da tenere in considerazione sono i vostri capelli: sono ricci, lisci, radi, fitti corposi o invece sottili? Inutile tentare una capigliatura vaporosa se avete i capelli dritti e fini….che ve lo dico a fare!

Questa è molto in generale l’idea della tipologia delle forme del viso e il relativo haircut consigliato.

Ma siccome sono tanti i fattori che concorrono nella scelta, io consiglio oltre a chiedere aiuto al parrucchiere, di osservare  quali attrici o modelle possono avere più o meo la vostra tipologia di viso, e quali sono i tagli che di preferenza scelgono. Se avete un naso importante, niente di meglio che copiare la nostra amata Carrie Bradshow! Se avete il viso tondo e paffuto, direi che le scelte della cantante Adele saranno ottime anche per voi. Capita la solfa?

 

 

Share This:

la dieta per affrontare l’inverno (con l’aiuto degli integratori)

E’ finalmente arrivato l’inverno, le giornate si sono accorciate e noi vorremmo passare il nostro tempo sul divano con una tazza di caffè e il pannetto sulle ginocchia.

Ma aimè, almeno che non abbiate più di 70 anni direi che la nostra vita  frenetica non ce lo concede, quindi con il freddo abbiamo bisogno di una marcia in più per affrontare le giornate.

Come sempre l’aiuto ci viene dall’alimentazione. Le verdure invernali sono ricche di antiossidanti, ferro e tutte quelle vitamine che ci servono per combattere gli effetti del freddo, sia per quel che riguarda la nostra pelle che per la nostra salute.

53922

Cosa mettere in tavola quindi in inverno? Cavolo, cavolfiore, broccoli, cavolo nero sono ricchi di antiossidanti, carciofi, asparagi, bietole sono ricchi di ferro più della carne, anche aglio e cipolla sono ottimi per il sistema urinario.  Le spezie, come curry, paprica e peperoncino, sono fonti di acido acetilsalicilico, un importante principio attivo antinfiammatorio. Inoltre le spezie hanno un’azione vasodilatatoria che favorisce la sudorazione e la stabilizzazione della temperatura corporea. Un’altra buona abitudine è usare il limone per condire le pietanze in quanto facilita l’assorbimento del ferro presente negli alimenti, che a sua volta potenzia le difese naturali contro raffreddore, mal di gola e tosse.

Il finocchio sia crudo che cotto è ricco di vitamine e ha un’azione sgonfiante per la pancia.

L’avocado, che non è un prodotto nostrano, è comunque un valido apporto di grassi buoni, quindi apporta in dosi corrette nutrimento alla nostra pelle e ai nostri muscoli. Se fate molta attività fisica consiglio almeno di consumarne uno alla settimana, in insalata o come preferite.

Non dimenticate che una facile soluzione per la sera sono le zuppe, sia i minestroni che le zuppe di cereali che sono ricche di proteine e quindi ci rinforzano e ci sostengono.

dieta-inverno-620x350

Infine le arance, che sono da sempre ricche di vitamina C e ci aiutano a tenere lontani i malanni ci stagione. Non dimenticate mai di fare colazione con un’ ottima spremuta di arancia fresca con qualche goccia di limone.

autumn-1747_640

Trovate anche in commercio, se ne sentite il bisogno, molti integratiori, alcuni di origine naturale, che possono aiutare a rinforzare il sistema immunitario. Ginkobiloba, pappa reale, Echinacea, sono i rimedi naturali più conosciuti.

In ultimo ma non meno importante, fate un paio di cicli di fermenti lattici, ne esistono in commercio anche senza lattosio, è importante per combattere i malanni avere l’intestino con le difese immunitarie al top.

E come diceva la nonna, avete messo la maglietta di lana?

 

 

Share This: