Capelli:l’angolo dello sconsiglio haircut edition

 

 

Sui social e sui giornali di settore ogni piè sospinto un articolo che sbandiera i tagli e i colori del momento che vi renderanno irresistibili, corredati di nomi altisonanti come color bronde, flat wave, shag e long bob. Ma com’ e che poi alla fine uscimo dal parrucchiere sembriamo sempre Joan Collins in Dinasty? La risposta non è cosi scontata come sembra. Certo la prma considerazione è che forse dovremmo cambiare parrucchiere, ma il problema può essere anche a monte di questo.

 

E’ una questione di aspettative. Io per esempio vedo questo taglio pazzesco su questa modella fica stratosferica, e il mio cervello per una stupida reazione mi convince che se mi faccio quel taglio avrò compresa nel prezzo anche la faccia della modella. Vi svelo un segreto: non è così. La mia faccia resta sempre quella.

Allora dobbiamo accontentarci di tagli smorti e insignificanti? Niente affatto! Sono i criteri di scelta che devono essere modificati.

Come per quel che concerne la scelta degli abiti, occorre un’analisi spietata del nostro viso. Quali sono i nostri pregi e i nostri difetti? quale è la forma, ovale tonda o allungata, l’incarnato, le nostre orecchie(si anche quelle!).

Ma non basta ancora. Un’altro fattore da tenere in considerazione sono i vostri capelli: sono ricci, lisci, radi, fitti corposi o invece sottili? Inutile tentare una capigliatura vaporosa se avete i capelli dritti e fini….che ve lo dico a fare!

Questa è molto in generale l’idea della tipologia delle forme del viso e il relativo haircut consigliato.

Ma siccome sono tanti i fattori che concorrono nella scelta, io consiglio oltre a chiedere aiuto al parrucchiere, di osservare  quali attrici o modelle possono avere più o meo la vostra tipologia di viso, e quali sono i tagli che di preferenza scelgono. Se avete un naso importante, niente di meglio che copiare la nostra amata Carrie Bradshow! Se avete il viso tondo e paffuto, direi che le scelte della cantante Adele saranno ottime anche per voi. Capita la solfa?

 

 

Share This: